STRICE BLU: PAGA TASSE MA NAPOLIPARK GLI NEGA PERMESSO

Potrebbe interessarti...

4 risposte

  1. claudia scrive:

    casalinga non è giusto che per l’attesa di tempi burocratici non si possa ottenere il permesso, anch’io mi sono trovata in questa situazione e nonostante abbia aspettato i tempi burocratici per otterene il tabellone della tarsu e la possibilità di tagare l’ici non sono riuscita comunque ad ottenere il permesso perchè mi hanno comunicato che chi risiede a via pigna non può ottenere il permesso per poter parcheggiare a via omodeo … non so a chi devo rivolgermi per capire meglio la mia situazione e se posso ottenere anch’io a mia volta un consiglio a riguardo. due anni di attesa inutili!! e pagamento di multe ingiuste xchè il mio palazzo è a 10 metri da via omodeo… cosa posso fare?

  2. enrico scrive:

    Strisce blu Anch’io, da stamane, ho appreso lo stesso problema: chi risiede a Via Arte della Lana, non può ottenere il permesso di sosta nelle strisce blu. è il caso di pensare ad una causa collettiva?

  3. rosario scrive:

    Via S. Sebastiano niente permesso Salve, anch’io mi sono sentito dire alla napolipark che per i residenti di via san sebastiano non è previsto il rilascio di nessun permesso di sosta nelle strisce per mancanza di posti, forse chi abita in via san sebastiano non paga le tasse come i residenti di altre starde????? Vorrei sapere cosa si deve fare per ottenere un proprio diritto. Grazie

  4. flavia lepre scrive:

    anche chi abita giu’ a via S. Domenico non ha gli stessi diritti Anch’io ho gia’ ricevuto un paio di multe a via S. Domenico al C.so Europa, strada in cui abito, in fondo (avevo messo sul parabrezza una scritta che informava del fatto che ero una residente, ma inutilmente). Non mi fu rilasciato il permesso per residenti: "ci sono molti posti in fondo!". Ma da due o tre anni non ci sono piu’ molti posti neanche giu’ in fondo, mentre molti parcheggiano sul lato clinica Sanatrix, anche se c’e’ il divieto, o davanti al teatro Cilea, obbligandoci, estenuandoci, a procedere a sensi alterni (i vigli passano molto meno dei "vigilini"!). Inoltre la salita e’ molto impegnativa e non capisco proprio perche’ noi della bassa via S. Domenico dovremmo avere meno diritti di altri cittadini automobilisti. Adesso, non riesco neanche piu’ a rintracciare Napolipark: al Centro Direzionale non c’era piu’ gia’ lo scorso anno; al comune di via Bonito mi dicono che ci sia, ma non ci sono scritte che lo confermino e, chi lo sa se sia un caso, ogni volta che ci vado non e’ quella giusta per incontrare finalmente la fantomatica Napolipark.

Rispondi a rosario Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti + diciannove =