Invalidità permanenti, procedure più snelle e stop ai controlli periodici

Potrebbe interessarti...

5 risposte

  1. anna scrive:

    invalidità civile ma il nuovo decreto del 2 agosto 2007 g.u. 225 del 27 settembre 2007 sarà appblicabile anche per patologie come glaucoma. Cioè una volta riconusciuta l’invalidità,civile, e ottenuto il sussidio non sarà più necessario rifare peridicamente gli incartamenti. visto che è una malattia che porta alla graduale cecità?

  2. anna scrive:

    invalidità civile ma il nuovo decreto del 2 agosto 2007 g.u. 225 del 27 settembre 2007 sarà appblicabile anche per patologie come glaucoma. Cioè una volta riconusciuta l’invalidità,civile, e ottenuto il sussidio non sarà più necessario rifare peridicamente gli incartamenti. visto che è una malattia che porta alla graduale cecità?

  3. MARIACARMELA scrive:

    INVALIDITA’ CIVILE E’ ASSURO SOTTOPORRE A CONTINUE VISITE PERSONE SOFFERENTI AFFETTE DA PATOLOGIE NON GUARIBILI COME IL GLAUCOMA

  4. MARIACARMELA scrive:

    INVALIDITA’ CIVILE E’ ASSURO SOTTOPORRE A CONTINUE VISITE PERSONE SOFFERENTI AFFETTE DA PATOLOGIE NON GUARIBILI COME IL GLAUCOMA

  5. Mario scrive:

    Circolare INPS n° 112 del 03/08/2007 Spett.le redaz. Sono fratello di una donna di anni 59 , affetta da poliomielite agli arti inferiori dalla tenera eta’ di due anni ed in possesso,ovviamente, di decreto d’invalidita’ al 100%. Da qualche anno ha avuto la fortuna di coniugarsi con tale (chiameremo) Giorgio di Genova ed impiegato presso la banca Carige di quella stessa citta’ ( ma con residenza a Napoli ) e da quel momento sono cominciati i vari tormenti per cercare di sfuttare qualche legge che agevolasse un eventuale trasferimento come prevede la legge ma ,ahime’, cio’ non e’ stato possibile perche’ in tutta la Campania non vi sono filiali di quella banca per cui sono cominciate le varie peripezie per sfuttare almeno la legge 104 ma anche per questo c’e’ stato un vero calvario perche’ il “ Giorgio” non risultava convivente fino a quando e’ stato modificato l’art. 19 e 20 della legge 53 ( 08/03/2000 ) e circolare Inps n° 133 del 17/07/2000. Per cui a tutt’oggi sfrutta appieno la legge 104 che gli e’ stata riconosciuta ufficialmente. Ed ora spunta l’interrogativo che io pongo a voi: Da qualche mese , tramite internet , ho appreso di una sentenza della Corte Costituzionale n° 158 del 18/04/2007 riguardante l’importante modifica dell’ art. 42-comma 5 della legge 151/2001 che prevede un congedo biennale anche al marito dell’invalido , ma pare che anche questo non vogliano riconoscerlo perche’ non risulta convivente ed allora perche’ gli hanno accordato la 104 che prevede gli stessi requisiti? Vorrei anche aggiungere che sotto lo stesso tetto convivono i miei genitori ultra-novantenni ed anch’essi invalidi. Spero di essere stato chiaro nell’esposizione dei fatti e mi scuso per le varie lungaggini ma era doveroso.Nella speranza di un vostro riscontro approfitto per porgere distinti saluti. Mario Musella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 2 =