Il demansionamento che diventa mobbing: la prova è presuntiva Cassazione civile , SS.UU., sentenza 22.02.2010 n° 4063

Potrebbe interessarti...

3 risposte

  1. Silvana Catalno scrive:

    Laurea La tortura psicologica del mobbing Una cappa di “silenzio” è calata sulla tematica del mobbing: è da tempo, ormai, che tutto tace sull’argomento. Qualche anno fa pareva che, finalmente, i riflettori dei mass-media si stessero accendendo su questo fenomeno criminale: qualche trasmissione televisiva, ogni tanto, ne parlava, nelle sale cinematografiche usciva il film della Comencini “Mi piace lavorare (mobbing)”, su internet erano nati diversi siti che raccoglievano testimonianze di vittime, diffondendo, al contempo, gli sviluppi legislativi sull’argomento. Improvvisamente questi siti o sono stati oscurati o non sono stati più aggiornati, lasciando nella più assoluta mancanza di informazioni le numerose vittime di mobbing “assetate” di giustizia. Ultimamente la tematica si sta riproponendo su face-book senza aggiungere, tuttavia, nulla a ciò che i conoscitori del fenomeno già sapevano. Sete di giustizia è l’espressione più appropriata per esprimere lo stato d’animo di chi è vittima di questo crimine, poiché quando si parla di mobbing, si discute di tortura psicologica con pesanti conseguenze sull’esistenza di un individuo. Il mobbing è un assassinio che non lascia né cadaveri, né armi. Quando si uccide qualcuno usando una pistola, il morto diventa la prova di un reato sul quale gli organi competenti dovranno indagare per scoprirne i responsabili. Quando invece una persona è torturata psicologicamente, si mira a distruggerla “di dentro”, istigandola al suicidio tramite isolamento, emarginazione, inattività forzata, umiliazioni e con varie altre forme subdole di prevaricazione prolungate nel tempo. Si cerca di ottenere lo stesso risultato di un assassinio, in maniera più “pulita”: il mobbizzato diventa un “cadavere vivente” e i suoi assassini ritengono di non potere essere etichettati come tali, solo perché non hanno lasciato tracce di sangue sull’aggredito. Le ferite inferte, tramite la tortura subita, sono ben celate all’interno della persona!!! Qualunque forma di tortura è una violazione dei diritti umani vietata dalle leggi, ma non impedita. Si tortura per estorcere confessioni, punire reati o presunti colpevoli di reati, imporre disciplina o supremazia psicologica, seminare il terrore. La tortura è, dal punto di vista chi la usa, un metodo estremamente efficace: anche quando non uccide, incute paura e annichilisce. Il suo obiettivo ultimo non è la morte della vittima ma il suo annientamento come essere umano, l’annullamento della sua personalità, dignità, individualità. Non a caso, le conseguenze psicologiche e sociali della tortura sono ben più profonde e difficili da cancellare di quelle fisiche. La tortura, sia fisica che psicologica, esiste perché fa parte di un vero e proprio “sistema”, fatto di azioni (l’ordine tacito o esplicito di torturare, la “formazione” del torturatore, l’atto della tortura) e di omissioni (la negazione delle responsabilità, le mancate indagini, l’assenza di punizioni) e reso possibile da una parola-chiave: impunità, ovvero quel meccanismo per cui i responsabili della tortura non vengono puniti e le vittime della tortura non ottengono giustizia. Quando si parla di tortura si pensa in genere a quella fisica e riesce difficile capire la tortura psicologica. Chi ha letto il libro “Se questo è un uomo” di Primo Levi, trova un’eccellente descrizione del tipo di “ferite interiori” inferte a chi è sottoposto a questo tipo di tortura, che presuppone, in chi la attua, il mancato riconoscimento dell’altrui dignità di essere umano e scrivo questo con la consapevolezza che tale concetto potrà essere compreso solo da chi ha vissuto le stesse sensazioni, sia pure in altri contesti. A torture psicologiche sono stati sottoposti gli ebrei, i negri, i dissidenti nei regimi dittatoriali e tutti quegli individui che vengono discriminati dalla classe di potere dominante o dal gruppo sociale di appartenenza. A tortura psicologica (mobbing) sono sottoposti i dipendenti “scomodi” nelle aziende, tramite un massacro quotidiano perpetrato sotto gli occhi dei colleghi, che vedono e tacciono per connivenza o per vigliaccheria. Chi tace, si rende complice col suo silenzio, al perpetuarsi di questo crimine, ritenendo “erroneamente” di non poter diventarne vittima lui stesso o i propri figli!!! Quando verrà rotto il muro di silenzio con cui si nasconde il crimine del mobbing? E chi sentirà il dovere morale di fare qualcosa? Come mai i mass media e i giornalisti più agguerriti non hanno mai ingaggiato una battaglia martellante su questo tema, con l’intento di una pressione politica finalizzata all’adozione di una legge ad hoc? Che fine fanno le denuncie di coloro che si rivolgono ai Magistrati riponendo fiducia nella Giustizia? E’ mai possibile che, in presenza di un vuoto legislativo, coloro che dovrebbero svolgere la propria professione animati dal sacro fuoco di un alto ideale, non riescano a trovare, tra i “meandri” delle numerosissime Leggi già esistenti, uno spiraglio per poter inquadrare come reato penale il crimine del mobbing? E’ scandaloso il fatto che la violenza psichica in cui si concretizza il mobbing e che distrugge l’esistenza di un essere umano, sia considerato un reato amministrativo, risarcibile con un semplice indennizzo economico!!!. Chi denuncia la tortura psicologica subita, si ritrova “solo” a combattere una dura battaglia, abbandonato a se stesso da chi si proclamava paladino della giustizia, isolato, talvolta, dai suoi stessi familiari, con la consapevolezza che, per proteggere il silenzio omertoso su certe vicende, esiste chi sarebbe pronto ad usare qualsiasi arma!!! Sembra che da più parti esista una ritrosia a identificare il mobbing, (i cui effetti, oltre ad esplicarsi nell’ambito lavorativo, distruggono ogni aspetto della esistenza delle vittime), come un crimine pianificato dalla “mafia dei colletti bianchi”, mirante a liberarsi di un dipendente scomodo. Concludo auspicando che coloro che sono dotati di strumenti politici, giudiziari e di informazione utilizzino il loro potere per combattere e sconfiggere il crimine del mobbing, affinchè il prezzo di tante vite distrutte possa servire per consegnare alle nuove generazioni una società ove la Giustizia non sia una pura utopia!!!

  2. nadia scrive:

    mobbing cancro terribile Il mobbing esiste: i sindacati sono complici e spesso sono i sindacalisti a mobbizzare anche gli iscritti per ottenere favori e quant’altro da una dirigenza incapace, impreparata e paurosa del potere sindacale. Perchè il quarto potere (stampa, radio, televisione e qualsiasi altro mezzo di informazione) non ne parlano e non danno la corretta dimensione di un fenomeno ormai irrefrenabile nella pubblica amministrazione? Perche si è fatta la legge sullo stalking e non si fa quella su un fenomeno molto più infido, sottile e venefico quale il mobbing? Forse perchè a sentenza i danni nello stalking li risarciscono i poveracci, mentre nel mobbing lo Stato per responsabilità contrattuale e solo in caso di condanna penale (oggi molto difficile senza la legge sul mobbing, anche a causa dell’impreparazione della magistratura sul fenomeno) pagano i dirigenti, i colletti bianchi, tanti dei quali iscritti ai vari Rotary, Lions e massonerie varie. L’Italia non si erge a paese civile e democratico e la legge NON è uguale per tutti. Rubi una mela e sei un ladro, rubi tanto, milioni di euro pubblici tra appalti e tangenti e sei un "furbo". In cosa più possiamo credere? A Babbo Natale?

  3. GENNARO scrive:

    Correlazioni? Chiedo scusa se utilizzo questo spazio per chiedere consigli in merito alla mia situazione,analoga a quella del lavoratore che ha denunciato il demansionamento.Io non ho i mezzi economici poer sostenere una vertenza,che ha dei tempi lunghi ed estenuanti.Allora sono infermiere professionale dal 1985,titolo arrichito nel 2008 con un master per le funzioni di coordinatore,svolto ROMA"TOR VERGATA".In verità non ho mai espresso la volntà di svolgere tale mansione,poichè sono,sostanzialmente,desideroso di mettere in pratica la mia quasi 30ennale esperienza professionale sul territorio.Ora,sta di fatto che lavoro presso un A.O del SUD (non cito il nome per non dar la possibilità a terzi di scavarmi la fossa) e in più occasioni ho polemizzato su alcune metodologie sia mediche che amministrative piuttosto dubbie.Ma fatta eccezione per un solo medico che ha avuto la determinazione di investireun ingente somma per denunciare il malaffare si riscontra un sottile filo che lega magistratura inquirente e la potentissima casta dei medici (numerosi anche come rappresentanti politici).Per me è stato riservato un trattamento che supera il confine della criminologia.Pur rimanendo inquadrato con la qualifica professionale infermieristica cat.D6 (il massimo)mi hanno assegnato a mansioni OTA. iO RISPETTO TUTTI I LAVORATORI E NON DIMENTICO CHE IL PRESIDENTE PERTINI FACEVA IL MINATORE PER NON INCAPPARE NELLAMACCHINA REPRESSIVA FASCISTA. MA,SICCOME CHE IL SOTTOSCRITTO IN TANTI ANNI DI SERVIZIO NON E’STATO MAI IMPLICATO IN EPISODI DI DISSERVIZIO,CHE HA MOSTRATO LIVELLI ALTI DI UMANITA’,CHE PER STRADA MI SALUTANO EX PAZIENTI CHE RICORDANO IL MIO METODO DI RELAZIONARMI CON LE PERSONE SOFFERENTI,CHE HO ASSISTITO PAZIENTI DI OGNI TIPO (HO LAVORATO 10 ANNI IN PS,3 IN RIANIMAZIONE,3 IN MALATTIE INFETTIVEE CENTRO AIDS,4 IN CHIR ONCOLOGICA CHE SUPPLIVA CON L’ESIGUO PERSONALE ANCHE L’ASSISTENZA NON CERTO AGEVOLE A PAZIENTI DI CHIR.VASCOLARE E GASTRO),INSOMMA VORREI CHE MI DICESSERO PER QUALE MOTIVO ,IGNOBILE,FACCIO IL PORTANTINO?cI SONO GLI ESTREMI PER DNUNCIARE I COORDINATORI DELLA DS PER ATTEGGIAMNTO INQUO,VISTO CHE MI INVITARONO A SVOLGERE QUSTO SRVIZIO PER POCHI MESI E I MESI SONO DIVENUTI ANNI.cHE PROVE DOVREI PROFURRE OER OTTENERE GIUSTIZIA E COSA DOVREI FARE PER AVERE I RISARCIMNTI ECONOMICI VISTO CHE ALCUNI COLLGHI SI SNO ABBOFFATI PER MANCANZA DI PERSONALE INFERMIERISTICO?rINNOVO LEMIE SCUSE,MA NON Sò A CHI RIVOLGERMI PER AVERE NOTIXZIE CERTE,VISTO CHE I SOPPRUSI IN QUESTI OSPEDALI FILOMAFIOSI SI PERPETUANO NONOSTANTE GLI SPOT DI MINISTRI LEGHISTI CHE RECLAMIZZANO INESISTENTI VITTORIE DELLA LEGALITà E bRUNETTA CHE SI è COME FISSATO SU INIQUE OPERAZIONI DI FACCIATA MENTRE I CRIMINALI CONTINUANO A FARE I FATTI PEGGIO E PIU’ DI PRIMA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × due =