I CITTADINI NAPOLETANI CONTRO GLI AVVELENATORI DEL NORD

Potrebbe interessarti...

3 risposte

  1. Simona scrive:

    amen finalmente! usciamo dalla rassegnazione e pretendiamo, anche noi, il rispetto dovuto in quanto cittadini italiani a tutti gli effetti!

  2. Mario scrive:

    msg da un cittadino del nord secondo me sarebbe da richiedere i danni in primis non ai produttori di rifiuti, ma bensì a chi in Campania (come in altre regioni del sud) ha autorizzato e di conseguenza incassato i soldi provenienti dalle industrie settentrionali per il relativo stoccaggio. Questa signori è questione di corruzione o se la vogliamo chiamare con il suo nome CAMORRA. Quindi bastà omertà per favore, rivoltatevi a chi fa i soldi sulla vs pelle. Sarebbe ora. Con rispetto Mario Rossi

  3. orsola scrive:

    lezione di ipocrisia ai signori del nord riferendomi al msg del sig. Mario Rossi: la camorra non ha estorto il lavoro alle industrie del nord, ma è scesa a patti con le stessa. In realtà il pesce puzza dalla testa, per cui bisogna condannare tutti, aziende in primis, perchè questo modo di fare affari ha alimentato la camorra a cambiare strateggie di "lavoro", infatti oggi i sig. boss sono veri e propri imprenditori, propongono affari agli "onesti" imprenditori del nord che sono pienamente consapevoli dei veleni da loro prodotti e che si devono smaltire, e questi "poveretti" fanno affari vantaggiosi evitando una spesa maggiore per il legale smaltimento dei rifiuti tossici, e si "accontentano" di spedirli in Campania…per cui siccome la legge dice che è reato "il concorso esterno di persone nelle associazione mafiosa" è giusto che anche queste siano giustamente punite… cittadina di Acerra, oasi dell’Inceneritore, martoriata da lutti familiari per cancro dovuti all’inquinamento del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici − 5 =