Cassazione: lo stato d’ira che porta alla redazione di frasi diffamatorie nei confronti del datore di lavoro può essere causa di non punibilità

Potrebbe interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 2 =