500 AZIENDE CAMPANE CON CONTI CORRENTI BANCARI PIGNORATI DA GESTline/EQUITALIA RISCHIANO CHIUSURA ATTIVITA’, FALLIMENTO E NON POTRANNO VERSARE TASSE PAGABILI OGGI SOLO TELEMATICAMENTE

Potrebbe interessarti...

30 risposte

  1. FORTUNA scrive:

    DISPERATA SONO UNA CITTADINA NAPOLETANA DI PRECISO DI CAIVANO. SONO STATA MESSA AL MURO ANCHE IO DALLA GESTLIN USURAI. IO IN CINQUE ANNI HO SUBBITO OTTO RAPINE E DUE FURTI.SENZA ESSERE ASSICURATA.MI HANNO ROVINATO E PER QUESTO TRASCURAI UN PO LE TASSE.MA SOLO PER SALVARMI PERCHE IL NEGOZIO MI SERVE PER SOPRAVVIVERE NON PER VIVERE ABBIAMO UNA UNA MACELLERIA E SALUMERIA DA TRENTANNI. IL TRASCURARE UN PO LE TASSE PER NECESSITA???MI TROVAI TUTTO IPOTECATO HO DOVUTO FARE DEBITI BANCARI PER SPIGNORARE I NOSTRI BENI UNA RESTA DA PAGARE ERA DI 5610 €….INVECE MI PIGNORAVANO CON UNA CARTELLA DI 38.000€UNA CARTELLA IMPAZZITA TASSI DA USURA E VERGOGNOSO E SPERO CHE QUALCUNO FACCIA QUALCOSA HO SCRITTO ANCHE ALLO STATO MA NULLA,NON C’E STATO PER AIUTARMI MA DOVE SIAMO IN IRAK?????

  2. FORTUNA scrive:

    DISPERATA SONO UNA CITTADINA NAPOLETANA DI PRECISO DI CAIVANO. SONO STATA MESSA AL MURO ANCHE IO DALLA GESTLIN USURAI. IO IN CINQUE ANNI HO SUBBITO OTTO RAPINE E DUE FURTI.SENZA ESSERE ASSICURATA.MI HANNO ROVINATO E PER QUESTO TRASCURAI UN PO LE TASSE.MA SOLO PER SALVARMI PERCHE IL NEGOZIO MI SERVE PER SOPRAVVIVERE NON PER VIVERE ABBIAMO UNA UNA MACELLERIA E SALUMERIA DA TRENTANNI. IL TRASCURARE UN PO LE TASSE PER NECESSITA???MI TROVAI TUTTO IPOTECATO HO DOVUTO FARE DEBITI BANCARI PER SPIGNORARE I NOSTRI BENI UNA RESTA DA PAGARE ERA DI 5610 €….INVECE MI PIGNORAVANO CON UNA CARTELLA DI 38.000€UNA CARTELLA IMPAZZITA TASSI DA USURA E VERGOGNOSO E SPERO CHE QUALCUNO FACCIA QUALCOSA HO SCRITTO ANCHE ALLO STATO MA NULLA,NON C’E STATO PER AIUTARMI MA DOVE SIAMO IN IRAK?????

  3. sebastiano scrive:

    ex gestline usurai E’ SCANDALOSO PER CARTELLE DI CUI IN PARTE OTTENUTO SGRAVIO MI HANNO BLOCCATO IL CONTO CORRENTE PRATICAMENTE FACENDOMI ANDARE SUL LASTRICO.E’ VERO CHE BISOGNA PAGARE MA IL GIUSTO IL DOVUTO E NON CON METODI CAMMORRISTICI.AIUTATECI

  4. Lia scrive:

    Ma dov’è finita la Democrazia??? Anch’io vittima della ormai nota usuraia di Stato Equitalia…cartella anno 2001…eccesso di velocità SS Modena per vettura usata all’epoca non ancora di mia proprietà…istanza all’Ente impositore..il quale riconosce l’errore e mi dice che provvederà allo sgravio..vista la distanza decido entro i 60 gg di fare ricorso al Giudice di Pace di Modena nominando un difensore che ottiene lo sgravio ma il giudice compensa le spese…pago l’Avvocato di tasca mia e dopo 6 anni non riesco ad avere un rimborso di tasse da Unico perchè…la cartella non è stata ancora sgravata e sono costretta dopo un fila lunghissima a presentare a mano alla Equitalia la mia copia della sentenza del Giudice..ma non si può…devono riceverla d’Ufficio..finalmente dopo aver parlato con l’Ufficio del Giudice di pace di Modena vengo a sapere che la sentenza è stata regolarmente inoltrata alla allora Gest Line dopo 10 gg dalla sentenza..e cioè 6 anni fa…finalmente qualche giorno fa ho risolto la pendenza ma che fatica….ma dov’è finita se mai c’è stata la democrazia????

  5. Milena scrive:

    richiesta di aiuto Buongiorno, può aiutarmi a scrivere un ricorso per prescrizione di 2 cartelle della cifra di oltre tremila Euro, per delle cartelle del 1995 che mi sono arrivate più di un mese fa. Le pagai 12 anni fa ma non ho prove. grazie

  6. Alessandro scrive:

    PETIZIONE POPOLARE CONTRO EQUITALIA ED OGNI ORGANO SIMILE CARO AVV. PISANI NON CREDE CHE SIA ARRIVATA L’ORA DI FARE UNA PETIZIONE POPOLARE DA TRASMETTERE CON URGENZA AGLI ORGANI COMPETENTI ED AL CONSIGLIO EUROPEO. STANNO CALPESTANDO OGNI DIRITTO CIVILE NON DOBBIAMO SOLO PAGARE E PREGARE LA MADONNA , METRE NON SCORDIAMO CHE IL MONOPOLIO DI STATO E’ EVASORE E RIPETO E V A S O R E DI BEN 98 MILIARDI DI EURO ESCLUSO PENALI E INTERESSI. QUESTA E’ UNA VERA INGIUSTIZIA. ANDANDO AVANTI COSI’ SI RISCHIA UNA RIVOLTA SANGUINOSA

  7. Enrico scrive:

    Artigiano In merito io ho da dire solo una frase " mi vergogno di essere Italiano "

  8. stiamo affogando nella m………. sono titolare di un’impresa artigiana dal 1995 (evevo sll’epoca solo 21 anni), ora ho alle mie dipendenza 12 operai, e una famiglia con moglie e 3 figli, circa 7 anni fa sono incappato in un imprenditore edile poco seria che mi ha mandato induetri riba per quasi 100.000euro, sto ancora in causa e nel frattempo lui è morto e la sua società fallita (ora essendo le opere da me svolte presso enti pubblici sicuramente se resterando soldi fra 20anni li avrò); nel frattempo pero dovendo paragare sia gli operai che il materiale mi sono indebbitato con inps e tasse. Debito inps cira €. 30.000, già restituiti a equitalia pagando 1/12 per un totale di €.98.000 (tra capitale ed interessi), debito tasse €.45.000 + interessi chiesta rateizzazione a equitalia ne voglio €.146.000 con un prima rata di €.25.000 e poi 72 da €.2.800,00 cadauna, nel frattempo (perche da quando ho chiesto la dilazione alla loro risposta positiva sono passati 8 mesi), questi strozzini mi sequestrato un mandato per lavori pubblici pari a €. 20.000. Io non c’e’ la faccio più e mi sta passando per la mente di farla finita. Fasano (BR) PUGLIA

  9. ROBIN scrive:

    equitalia..usurai di stato basta con questa vergogna…!!!!!migliaia di piccole imprese italiane rischiano la bancarotta unitamente a molti cittadini che tirano avanti a stento per mangiare.questi atteggiamenti persecutori e di ricatto stanno facendo crescere l’odio contro il fisco piu’ vorace del mondo.le multe, fatte in maniera allegra e disinvolta sono diventate altre tasse spalmate per ogni cittadino italiano e poi finisci nelle mani del mostro equitalia che ti spolpa senza controllo fino all’ultimo rantolo.

  10. Stefano scrive:

    Equitalia Mi hanno pignorato il c/c non posso più lavorare. Per varie difficolta no potei pagare tasse x €60.000,00 ora tra sanzioni interessi e altri balzelli me ne Chiedano 252000,00. Non c’è la faccio più a sopportare questa vergogna.

  11. FRANCESCO scrive:

    Ragioniere Commercialista Sono pienamente a favore sulla restrizione dei poteri di Equitalia spa, soprattutto, perche questa società non deve richiedere alcuna autorizzazione giudiziaria, per il recupero delle somme. Altra cosa grave che proprio in questi giorni si parla tanto di attività di Governo, finalizzate ad aiutare le piccole e medie imprese (vedi la Banca per il sud), e poi basta una cartella di pagamento in cui il contribuente per motivi giustificati (ricovero ospedaliero), non paga 2 rate del rateizzo, questo viene revocato, con conseguenze devastanti. Ritengo che i diritti sacrosanti costituzionali i signori delle leggi si siano infischiati, creando ancor di più l’apertura della forbice tra ricco e povero. La certezza del diritto e una utopia universitaria. Ogni giorno nel mio studio tanti casi uguali di gente che non può pagare e richia l’ipoteca legale sulla prima casa. Mi chiedo???? I signori della politica cosa fanno??? I signori dell’Informazione – giornali e tv cosa fanno? Notizie che non possono essere battute?? Forse per paura di una ribellione popolare??? Ma, non sò. E’ vero che in italia fin che non scappa il morto non interessa a nessuno!!! Se potessi chiederei la cittadinanza ad un altro Paese Democratico VERO!

  12. antonio scrive:

    questi so d’avvero usurai autorizzati in italia abbiamo banche che dovrebbero aiutare le piccole imprese……….ma per darti cento vogliono minimo 500 di garanzie ed ipoteghe altro che aiutooooooooooo la equitalia ladri autorizzati fanno il resto sono all’esasperazione totale penso che qualcuno di questi ci rimettera’ le penne sicuramente scateneremo una guerra non se ne puo’ piu

  13. CIRO scrive:

    PRONTI PER IL PASSAMONTAGNA SONO UNA GUARDIA GIURATA DELL’ISTITUTO DI VIGILANZA EUROPOL DI ERCOLANO,SIAMO 83 DIPENDENTI,AL MIO DATORE DI LAVORO,PER TASSE NON PAGATE ANNO BLOCCATO IL CC COSI SONO TRE’MESI CHE NON CI PAGA LO STIPENDIO,LO STATO,DANDO MANDATO ALL’EQUITALIA,CI STA’GIUSTIFICANDO PER CHIEDERE A BABBO NATALE UN PASSAMONTAGNA,VISTO CHE L’ARMA E’GIA’IN NOSTRA DOTAZIONE.COSI FACENDO STANNO INCENDIVANDO I REATI,DOBBIAMO PUR MANGIARE,O NO?.ALLORA E’UNA PALLA CUANDO DICONO CHE VOGLIONO FAR DIMINUIRE I REATI ? POI TENGONO 38 PROBABILI PERICOLI IN GIRO?E SENZA SOLDI,CHE BELLA POLITICA MA BRAVI.E DIRE CHE I POLITICI ANNO STUDIATO.

  14. Reitano M. scrive:

    Ci vuole solo una rivoluzione Anche a me hanno pignorato il conto corrente, per un verbale delle striscie blu di 10,00 euro, adesso vogliono 1000,00 euro, già mi hanno bloccato 400 euro in banca. I governanti hanno barche ,ville, e noi dalla mattina alla sera a lavoro per cercare di poter mangiare e avere un posto per dormire, mi vergogno di essere italiano

  15. Roberto T. scrive:

    EQUITALIA una vergognosa soluzione. Sono un piccolo artigiano ho sempre lavorato portando a casa appena i soldi per mangiare e pagare fornitori, commercialisti, ecc. Aumentare i prezzi è impensabile c’ho provato ed ho iniziato a perdre i clienti. Pertanto mi sono indebitato con lo Stato e con gli enti previdenziali, con la consapevolezza che prima o poi mi sarebbero stati richiesti. Un giorno mi è arrivata la solita cartella esattoriale 16500 euro (molti diranno e che sarà mai) … ma in questi tempi a malapena si riesce a lavorare con tutte le persone che fanno il mio lavoro ed allo stesso tempo avevo chiesto un ulteriore prestito per iniziare la rateizzazione per iniziare a pagare almeno gli istituti previdenziali (inail ed inps), ma mi è arrivata per prima la botta da Equitalia. Risultato conto pignorato la banca mi ha chiuso tutte le linee di cedito (e dopo processo anche il conto) non ho potuto iniziare la procedura per la rateizzazione degli enti previdenziali ed ora con questa crisi posso solo lavorare per privati che purtroppo pagano troppo poco. Anche se mi sento in difetto … ringrazio l’Equitalia e lo Stato per avermi / averci messo in condizione di non poter più nuocere!

  16. aderite a queto blog un gruppo di imprenditori disperati, si sono ritrovati in un blog da pocchissime persone siamo arrivati in un grandissimo numero si è formato un comitato e si stanno portando avanti diverse azioni sempre democrati per risolvere tutte le sanzioni ed interessi che affligono il piccolo contribuente, siamo in faceebok aderite e saremo sempre piu’ forti comitato condono inps

  17. CERCHIAMO VOSTRA ADESIONE un gruppo di imprenditori disperati, si sono ritrovati in un blog da pocchissime persone siamo arrivati in un grandissimo numero si è formato un comitato e si stanno portando avanti diverse azioni sempre democrati per risolvere tutte le sanzioni ed interessi che affligono il piccolo contribuente, siamo in faceebok aderite e saremo sempre piu’ forti comitato condono inps scrivi: [email protected]

  18. Mario Carlo scrive:

    pignoramento stipendio Mi è stato pignorato lo stipendio, per un ammontare complessivo di lire 53.000.000, a partire dal lontano novembre 1997, mi chiedo come si possa permettere l’applicazione di un tasso d’interesse intorno al 19%, che Banchitalia reputa legittimo e non usuraio. Questa è usura vera e propria ai danni del povero contribuente e tutti sembrano ignorare il problema, che di fatto ormai investe milioni di persone. Ma dove sta e dove son sempre stati i nostri governanti, vien da pensare a banchettare con le banche. Non c’è proprio limite alla vergogna.

  19. GIOVANNI scrive:

    FERMATE EQUITALIA Fermatela! è mai possibile che equitalia per un debito di appena 47.000 euro di tasse non pagate per pagare prima gli operai e dipendenti, mi ha ipotecato 2 capannoni e 2 garages per un valore commerciale complessivo di 2500.000 euro oltre alla quota ereditaria di mia povera sorella di 2.500.000 euro? Questi sono dei pazzi criminali. Tutti i fidi bloccati la banca mi ha messo a rientro, i dipendenti senza pagare, la banca mi ha revocato l’anticipo fatture che utilizzavo per lavori verso enti pubblici(asl) che pagano a 12/16 mesi. Ma siamo matti ma dove viviamo. In quale paese siamo capitati. Ora come faccio a pagare le tasse se lo stesso stato non mi paga i lavori che ho effettuato.

  20. Rebuffo Davide scrive:

    Disoccupato di Stato Ho letto i precedenti post e non posso fare a meno di sospirare per un futuro che non appare affatto roseo. Sono un dipendente di una piccola officina meccanica alessandrina che realizza semilavorati in materiale plastico. Lunedì 26/04 ci è stata comunicata la notizia che alla Ditta, a causa di un mancato versamento delle imposte nell’anno precedente (giustificato con la volontà di superare il momento debole del mercato 2009), sono stati bloccati i conti da Equitalia, così come è successo a tutti voi. Risultato: 20 famiglie con il fiato sospeso, ferie obbligate per le prossime 2 settimane in attesa di una risposta che ha tutta l’aria di non essere proprio beneaugurante.

  21. DUEMME SRL scrive:

    EQUITALIA SALVE PURE IO SONO NELLA STESSA SITUAZIONE PER MOTIVI VARI HO PREFERITI TRALASCIARE DI PAGARE LE TASSE E PAGARE I FORNITORI CORRENTE DIPENDENTI E ADESSO MI STANNO ARRIVANDO TUTTE LE CARTELLE CON FERMO AMMINISTRATIVO AUTO E PIGNORAMENTO XCHE AVEVO INIZIATO A PAGARE A RATE MA HO DOVUTO SMETTERE XCHE NON RIUSCIVO PIU’ A PAGARE…. E’ UNA VERGOGNA….. UNIAMOCI PER FAR CESSARE TUTTO CIO’ PATRIZIA DUEMMESRL

  22. carlo scrive:

    3° media Sono un piccolo imprenditore artigiano e, dopo aver avuto sulle spalle un grosso fallimento di un cliente,ho dovuto tralasciare pagamenti allo stato e inps, premetto che non sono un evasore fiscale in quanto mi sono autoidichiarato lo stesso, ma purtroppo non avevo soldi sufficenti per pagare tutti (banche,fornitori e dipendenti). Premetto che dopo ever ricevuto cartelle esattoriali, ho cominciato a pagare mensilmente dei soldi, ma nel 2007 dopo che si è costituita equitalia, questi signori non mi hanno più permesso di andare avanti a pagare. Mi hanno rovinato la vita, la famiglia in quanto mia moglie dopo 21 anni di matrimonio ha chiesto la separzione,ho chiesto di poter vendere un piccolo immobile per dare soldi e ridurre drasticamente il mio debito, ma al mio commercialista hanno risposto di no. Mi hanno fatto la rateizzazione in 72 mesi con un tasso da usura pari al 80% del dovuto oltre a diritti di riscossione da rapina a mano armata, diritti di notifica, segnalazioni bancarie al punto tale di non farmi avere più credito dalle banche. Oggi mi hanno pignorato il conto obbligandomi a non pagare i dipendenti, fornitori e a questo punto non posso pagare eventuali tasse e inps. Qua si violano i diritti costituzionali di tutti i cittadini, bisogna porre subito un alt a questi usurai denunciandoli e farli indagare dalla procura della repubblica per tutti i reati che stanno commettendo indiscriminatamente, oltre atutti i risarcimenti danni che personalmente io individuo tra danno alla mia dignità di persona onesta, danno alla famiglia rovinata, danno biologico in non meno di 100.000.000,00 di euro. Spero Avvocato Pisani che si possa fare qualcosa in questo senso. Cordiali saluti Carlo marelli

  23. giorgio gorizia scrive:

    truffa legalizzata^ Dopo aver subito il fallimento di due cooperative edili,ho perso la casa e tutto quello che avevo per pagare gli operai,poi ho cercato affannosamente di rialzarmi ma mi è piovuta una tegola in testa in quanto l’INPS non ha partecipato a suo tempo al piano di spartizione della vendita all’asta dei miei beni ed ora vuole isoldi arretrati ed ovviamente l’equitalia mi ha bloccato tutto: a quasi sessant’anni sono senza lavoro in quanto ho dovuto chiudere,chi può fermare questi delinquenti?L’equitalia deve chiudere e la riscossione dei tributi deve avvenire presso l’ente impositore,come una volta,almeno c’era la possibilità di contrattazione.

  24. luca scrive:

    usurpatori e criminali legalizzati ho fatto anni di galera e ho pagato id mio debito,ora cerco di lavorare onestamente e equitalia mi pignora il conto per il mantenimento carcere e spese di giustizia.e al massimo 72 rate.cosa mangio?devo fare il delinquente?e parlano di reintegrare!!!un paio di palle,FERMATE EQUITALI è una vergogna

  25. Adelino scrive:

    Commerciante CARO AVVOCATO CI SONO SOLE POCHE PAROLE DA DIRE …….SIAMO CONDANNATI ALL’EVASIONE FISCALE

  26. massimo scrive:

    imprenditore Salve .a tutti …. che come mè siamo in balia di questi aguzzini .e usurai a ciel sereno…indisturbati di fare i loro comodi ….siamo in balia di interessi da usurai..ho quarantanni…. e sono indebitato ..con loro …..sino a novanta….cosa racconto ai miei figli!!!!….Fanno di tutto per farci fallire …cosi ci sequestrano i beni ..li mettono all’asta …e poi con qualche amico conpiacente dei tribunali se li ricomprano……l’italia è diventata invivibile ……..signori ….SIGNORI::::::ITALIANI!!!!!!!!!!!!!!svegliamoci………..

  27. Gianni scrive:

    STATO CRAVATTARO! ciao a tutti. chi vi scrive oggi è uno dei moltissimi imprenditori messo in ginocchio prima dalla crisi e poi dallo stato italiano e che sta subendo un abuso allucinante da parte dello stato stesso, abuso che stanno subendo moltissime altre aziende e persone che reputo sia fondamentale sottoporre alla Vostra attenzione affinchè si svegli la coscienza di qualcuno in questo orribile gioco al massacro. Fino al 2008 la mia azienda operante nel settore dell’edilizia, ha conosciuto stabilità ed ottima salute, poi, con l’arrivo della crisi, i miei clienti hanno iniziato a non pagare facendo accumulare mancati incassi alla mia Impresa per più di 250.000,00 euro. Non riuscendo ad incassare, nonostante anni di ottimo rapporto e di ottimi incassi, le banche ci hanno chiuso le porte e mi sono trovato costretto a chiudere l’azienda e a licenziare i dipendenti non potendo più garantire loro il pagamento dello stipendio. Da quel momento ho subito di tutto: mi hanno prima attaccato le banche e poi è arrivata Equitalia. Ho quindi subito il pignoramento della casa, il pignoramento dei mobili per cui non ho più nemmeno i letti per dormire e la cucina per preparare da mangiare, mi hanno poi pignorato l’auto per cui non posso più nemmeno andare a lavorare (sono stato agente di commercio e l’auto è fondamentale per poter lavorare) ed infine pochi giorni fa mi hanno anche bloccato i conti correnti (dove tra l’altro non ho nulla nè sottoforma di titoli che di contanti in quanto ho speso tutto quanto avevo per cercare di sostenere la mia azienda all’inizio della crisi). Invece che aiutare chi è in ginocchio come me, ad oggi, lo stato si è solo preoccupato di “ammazzarmi” in tutti i modi facendo rivalsa sulla mia persona fisica e chiedendomi più di 200.000 euro a fronte di circa 50.000 dovuti per iva ed irpef che non ho potuto pagare proprio a causa dei mancati incassi che ho subito. Per assurdo, la mia azienda ha più di 250.000 euro da incassare da suoi debitori ma trattandosi di tanti piccoli crediti che vanno dai 300 ai 3.000 euro, ho provato a fare azione di recupero tramite decreto ingiuntivo ed appena si entra in Tribunale ti chiedono subito dai 1.000 ai 1.500 euro per tasse di registro ed altri orpelli da pagare per iniziare la causa e poi c’è l’avvocato che ne chiede altrettanti e …. se riesci ad iniziare la causa trovando i soldi chissà dove occorrerà aspettare almeno 7-8 anni per arrivare ad ottenere qualcosa e nel frattempo lo stato ti fa fuori (molto prima dei 7-8 anni). Essendo la società (ed io personalmente) senza alcuna liquidità, mi trovo quindi nell’impossibilità di andare ad incassare tali crediti e lo stato (lo scrivo con lettera minuscola poiché questa è la realtà dei fatti) non solo non mi facilita in alcun modo il tentativo di poter recuperare tali crediti ma addirittura mi ha tolto ogni bene necessario per vivere (casa, mobili, auto, conti correnti). Ad oggi, la goccia finale è quella del blocco del conto corrente, per cui se anche io ricevessi 100 euro in pagamento sul mio conto andrebbero pignorati dallo stato fino al raggiungimento dei 200.000 che mi hanno richiesto. Quindi, secondo lo stato io dovrei: 1) perdere il lavoro e l’azienda dopo anni di sacrificio senza aver alcun supporto 2) perdere il diritto ad avere una casa per me e la mia famiglia 3) perdere tutti i mobili e persino i letti costringendoci a dormire a terra 4) perdere l’auto che mi è stata pignorata, unico mezzo per me fondamentale per poter lavorare e poter conseguentemente pagare ciò che lo stato vuole da me e dalla mia azienda 5) perdere l’uso del conto corrente dovendo far transitare 200.000 euro su tale conto prima di vederlo sbloccare magari tra 20 anni! 6) precludere un qualsiasi futuro alla mia famiglia per via della crisi economica e dei mancati pagamenti da me subiti nonché dal successivo massacro operato a mio danno dallo stato. Voglio ricordare allo stato che prima della crisi io ero un imprenditore di successo che ha creato posti di lavoro e se non altro, merito considerazione per questo e per ciò che sono capace di fare oggi a differenza dei tanti burocrati stipendiati di Equitalia a cui auguro di cuore di trovarsi presto nelle mie stesse condizioni. Quindi, premesso che a fronte dei 50.000 che lo stato mi richiede (e che tra l’altro ho anche contestato in parte ma nessuno se n’è ovviamente fregato) mi chiedono altri 150.000 per sanzioni, direi che siamo innanzitutto in piena usura poiché se mi rivolgessi ad un cravattaro siciliano sicuramente otterrei condizioni migliori di quelle che applica lo stato. Quindi: perché nessuno riferisce ciò e perché nessuno fa niente per evitare che accadano situazioni così vergognose? Inoltre, perché lo stato non mi aiuta a recuperare i crediti che debbo incassare permettendomi di accedere all’azione legale senza dover pagare più soldi (che non ho) di quelli che devo incassare? Infine…. perchè lo stato mi blocca il conto corrente impedendomi qualsiasi attività lavorativa che equivale (dopo avermi tolto pure l’auto) a condannare a morte certa me e la mia famiglia? Che senso ha tutto questo? Io vorrei tanto che si usasse l’intelligenza nel risolvere le cose ma vedo che questo è uno stato da Repubblica delle banane ed io mi vergogno di essere italiano. Se tutto ciò non cambia, mi vedrò costretto ad emigrare all’estero e ricominciare una nuova vita contando sulle le mie ottime capacità imprenditoriali (che allo stato italiano evidentemente non interessano e che apporterò invece ad altro stato più attento a queste qualità) che possono creare lavoro per me e per dipendenti. Se in Italia esiste il cosiddetto fenomeno della “fuga dei cervelli” non dobbiamo certo stupircene: Questo non è uno stato, è un’associazione a delinquere che trucida i propri cittadini. datemi qualche consiglio per favore, è possibile fare una class action? Uniamoci tutti insieme.

  28. BOBO CUNEO scrive:

    camorra di stato…. SVUOTARE LE ARMERIE E GLI ARSENALI fare azioni dimostrative e distruttive come dire pane al pane tu distruggi me’ io distruggo tutti voi….. diamo alle fiamme gli uffici di equitalia….

  29. massimo scrive:

    equitalia sfasciafamiglie secondo me lo stato non dovrebbe permettere che si pignori la prima casa per non creare poverta e rovinare le famiglie per me sarebbe giusto e sicuramente ci sarebbero meno separazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 − tre =