ven, 1 ago 2014 - 18.18.07 - Utenti online: 21

Scontrino parlante: nuove regole per gli scontrini in farmacia. Pisani: "Maggiore tutela della privacy per il consumatore"

Scontrino parlante: nuove regole per gli scontrini in farmacia. Pisani: "Maggiore tutela della privacy per il consumatore"
La modifica degli scontrini della farmacia, richiesta lo scorso anno dal Garante della Privacy, è diventata realtà all'inizio del 2010. Per una questione di privacy del consumatore, lo scontrino della farmacia non indicherà più il nome del farmaco acquistato, ma soltanto il codice di immissione al commercio (AIC). "Il consumatore, dunque, in sede di dichiarazione dei redditi, non sarà più tenuto a 'pubblicizzare' le patologie di cui soffre a chi gli presta assistenza fiscale ma dovrà. È quanto dichiarato dall’avvocato Angelo Pisani, Presidente Nazionale dell’associazione Noi Consumatori.it e candidato alla Regione con la lista della società civile Noiconsumatori.it, il quale appoggia con fermezza il cambiamento dello scontrino 'parlante' per una questione prettamente di privacy dei consumatori.
 
Quando lo scontrino potrà essere detratto tra le spese mediche?
"Lo scontrino della farmacia - dichiara Pisani - potrà essere detratto tra le spese mediche qualora esso indichi  una fra le seguenti diciture: "farmaco", "medicinale", "med.", "f.co", "otc" e "sop" (sigle che indicano i medicinali di automedicazione, senza prescrizione medica), "omeopatico", "ticket" o "preparazione galenica".
Mentre per quanto riguarda le diciture "integratori" o "fitoterapici" non vale lo stesso discorso: per questo tipo di farmaci non è prevista alcuna detrazione. Infine, non è ammessa alcuna altra dicitura o documentazione allegata allo scontrino ai fini della detraibilità della spesa" ha concluso Pisani.
 
Dobbiamo, inoltre, segnalare che l'Agenzia delle entrate ha stabilito di abolire l'obbligo di allegare una fotocopia della ricetta (quella rossa per intenderci) allo scontrino che riporta la dicitura "ticket". La denominazione "ticket" su uno scontrino farmaceutico indica l'acquisto di un medicinale. Pertanto, pretendere la fotocopia della prescrizione medica ci sembra assurdo poiché pensiamo che i pochi spiccioli racimolati dalla detrazione non devono essere spesi per fare le fotocopie!!! 
fine
 
Apri una Sede NOIConsumatori Movimento AntiEquitalia
Torna IndietroStampa ArticoloEsporta questo articolo come PDFInvia questo articolo via emailCondividi questa notizia su facebook

Commenti e Voti

Se vuoi esprimere anche la tua opinione clicca qui.

La tua opinione

Vota e/o lascia anche tu un commento su questo articolo, ricordando di essere sempre coerente con l'articolo, di non lasciare messaggi inutili (leggi prima i commenti che hanno scritto gli altri visitatori, in modo da non ripetere le stesse argomentazioni o eventuali domande) e di non lasciare messaggi offensivi o che contengano frasi inappropriate che potrebbero nuocere ad alcuni visitatori.

Ricorda che il tuo indirizzo IP (80.70.112.83) verrà registrato ma non divulgato
*
* ‹ non verrà divulgata
*
This Is CAPTCHA Image - Inserisci nel campo il testo che leggi nell'immagine
Voto:
Leggi il Blog di Angelo Pisani Segnalaci un problema
NOI Consumatori Lecce su Futura Tv
x
 

Realizzazione sito Internet by Xeader