mer, 17 set 2014 - 17.33.22 - Utenti online: 19

Risarcimento danni per latte contenente ITX

Risarcimento danni per latte contenente ITX

Data: domenica 11 dicembre 2005 - 12:01:37 AM
Autore: Angelo Pisani

Risarcimento danni per latte contenente ITX

HAI ACQUISTATO LATTE NESTLE’ O MILUPA CONTAMINATO DALL’ITX?

SEI PREOCCUPATO PER GLI EFFETTI CHE QUESTA SOSTANZA PUO’ AVERE SULLA SALUTE DI TUO FIGLIO?

Agisci con il movimento Noi Consumatori per il risarcimento del danno

Cara Consumatrice, caro Consumatore,

partiamo dai fatti:

  • Dal 22 Novembre il Corpo Forestale ha sequestrato circa 30 milioni di litri di latte per bambini della Nestlé: praticamente tutto il quantitativo disponibile con scadenza settembre 2006. Le tipologie di latte sotto sequestro sono: Mio, Mio Cereali, Nidina 2, Nidina 1 (quest'ultimo con scadenza maggio 2006).
  • Il sequestro è stato deciso dopo che analisi specifiche hanno accertato che tutte le confezioni in scadenza a settembre 2006 sarebbero contaminate dall’ITX (isopropylthioxanthone). Tale sostanza viene rilasciata dall’involucro delle confezioni, prodotte dalla societa’ svedese Tetra Pak.
  • Ma gia’ dal Settembre 2005, le autorita’ italiane avevano informato la Commissione Europea, attraverso il RASFF (Rapid Alert System for Food and Feed), che il latte liquido per neonati conteneva ITX. La Commissione europea aveva inviato una richiesta di parere alla EFSA (European Food Safety Authority) con sede a Parma.
  • L’EFSA il 24 Novembre ha dichiarato che "sulla base dei dati molto limitati disponibili oggi, la presenza dell’ITX nel cibo è da considerare indesiderabile, ma probabilmente non costituisce un rischio per la salute ai livelli riportati" L’EFSA ha annunciato che fornirà un parere finale non oltre il Marzo 2006.
  • La società Tetra Pak, in un suo comunicato stampa del 22 Novembre scorso, ha annunciato di non utilizzare piu’ ITX nelle confezioni di latte per l’infanzia... ma in una lettera inviata dalla Tetra Pak all’Unione Europea (letta da Andrea Vianello, conduttore di Mi Manda Raitre, nella puntata del 25 Novembre) afferma che il pericolo di contaminazione non riguarderebbe solo il latte per bambini ma i prodotti di ben 1.200 marchi, tra cui dessert a base di formaggio, bevande alla soia, bevande a base di yogurt, creme, latte aromatizzato, ecc.


Ma ecco la verità sull'ITX!

Ecco cosa il solo maneggiare la sostanza in questione ha prodotto nel 1999 in 6 operai che la stavano usando allo stato puro!

La fonte è l'autorevole Pesticide and Toxic Chemical News che riporta il caso di intossicazione di operai che usavano l'ITX già nel 1999 e che portò a rivedere le norme di sicurezza per l'uso di questa sostanza, introducendo l'uso di guanti, stivali, occhiali e tute impermeabili

"Sei operai ebbero arrossamenti della pelle sul collo e sulla testa dopo aver usato il prodotto ed essere stati esposti alla luce del sole. L'arrossamento apparve subito dopo l'esposizione alla luce del sole e rimase per circa un giorno, senza ulteriori sintomi, secondo il documento. Due operai della First Chemical ebbero gli stessi sintomi dopo una esposizione simile.
Come risultato dell'incidente la First Chemical raccomando' equipaggiamento protettivo, che includa guanti in PVC o neoprene, occhiali protettivi, abiti resistenti agli agenti chimici, e stivali e avverti' i suoi operai che l'inalazione della sostanza in polvere può irritare le vie respiratorie"

 

La situazione e' impressionante e preoccupante e impone interventi drastici a tutela della salute dei consumatori italiani!

Per questo Noi Consumatori in base al principio di precauzione, ha chiesto il ritiro dal commercio di tutti i prodotti venduti in confezioni Tetrapak nel nostro paese, e invitano i cittadini ad astenersi dall’acquistare qualsiasi prodotto in contenitori Tetrapak, fino a che non sarà stata fatta chiarezza sull’intera vicenda, e garantita la massima sicurezza per i consumatori.

E ALLORA CHE FARE SE HAI ACQUISTATO LATTE CONTAMINATO DALL'ITX?
ORA PUOI AGIRE CON IL MOVIMENTO NOI CONSUMATORI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DEL DANNO!

Il Noi Consumatori ha già avviato le prime cause di risarcimento avanzata da  genitori, rappresentati dall’associazione, contro la Nestlè, per i danni morali loro causati a seguito della vicenda del latte "all’inchiostro".

Conattaci ai recapiti che puoi trovare nella pagina dei contatti e raccontaci la tua storia. Spremo difendere i tuoi diritti!

fine
 
Apri una Sede NOIConsumatori Movimento AntiEquitalia
Torna IndietroStampa ArticoloEsporta questo articolo come PDFInvia questo articolo via emailCondividi questa notizia su facebook

Commenti e Voti

Queste sono le opinioni che hanno lasciato i nostri visitatori su questo articolo.
Se vuoi esprimere anche la tua opinione clicca qui.

1

5 Stelle
Anonimo venerdì 16 dicembre 2005, alle ore 00.12 ha scritto:

2

4 Stelle
lunedì 19 dicembre 2005, alle ore 15.42 ha scritto:

La tua opinione

Vota e/o lascia anche tu un commento su questo articolo, ricordando di essere sempre coerente con l'articolo, di non lasciare messaggi inutili (leggi prima i commenti che hanno scritto gli altri visitatori, in modo da non ripetere le stesse argomentazioni o eventuali domande) e di non lasciare messaggi offensivi o che contengano frasi inappropriate che potrebbero nuocere ad alcuni visitatori.

Ricorda che il tuo indirizzo IP (80.70.112.83) verrà registrato ma non divulgato
*
* ‹ non verrà divulgata
*
This Is CAPTCHA Image - Inserisci nel campo il testo che leggi nell'immagine
Voto:
Leggi il Blog di Angelo Pisani Segnalaci un problema
Intervento dell'avv. Angelo Pisani sulle polemiche a seguito delle prove selettive per il concorso di guida turistica in Campania
x
 

Realizzazione sito Internet by Xeader